07 Ago 2013

Domuss - Sistema Documentale Evoluto

Cos’è: un sistema evoluto di gestione documenti che, oltre all’archiviazione, consente la ricerca veloce all'interno di tutto il testo dei documenti, anche quelli frutto di scansione/copia ottica.

Gerarchizzazione: il sistema prevede una gerarchia di documenti a due livelli: gruppi di documenti e documenti singoli. Un gruppo di documenti (primo livello) ad esempio può essere un progetto (es. il lancio di un nuovo prodotto) che include al suo interno (secondo livello) tutta una serie di documenti singoli (es. il brief iniziale, la scheda di descrizione del prodotto, le specifiche tecniche, il manuale utente).
Il gruppo di documenti ha delle caratteristiche (es. data inizio e fine, nome del prodotto, responsabile del progetto, membri del team, regioni di commercializzazione) che ogni documento eredita. Ogni singolo documento disporrà inoltre di caratteristiche proprie (il nome, il tipo, la data di emissione, la revisione, etc.)

Motore di indicizzazione: il sistema è dotato un motore di indicizzazione dei testi e dei dati associati ai documenti e ai gruppi di documenti che consente di eseguire ricerche rapide, efficaci ed esaustive. Ad es. si può cercare la lista dei documenti che contengono la parola ‘scouting’ e la parola ‘concorrenza’, che preferibilmente contengono anche ‘Europa’, e appartengono a progetti commercializzati in Asia dal 2009 al 2011. Il sistema in una frazione di secondo propone i documenti che rispondono a questi criteri, ordinati in modo intelligente (prima quelli semanticamente più pertinenti).

Displaying: per ogni documento rispondente ai criteri, il sistema esibisce un estratto della frase in cui ha trovato la corrispondenza, la pagina in cui si trova e un link per aprire il documento relativo alla pagina corretta, in modo da poter leggere il paragrafo o fare un copia-incolla in altri documenti.

Selezione: il sistema permette anche una navigazione ‘classica’ tra i gruppi di documenti e la lista di tutti i documenti, anche in questo caso permettendo una selezione di tipo ‘filtro’, utile a identificare rapidamente quelli che si desiderano. Mano a mano che si digita il filtro, a ogni inserimento di un nuovo carattere, il sistema immediatamente seleziona la lista di tutti i documenti proponendo solo quelli che nel titolo o in un altro metadato associato (data, regione, responsabile, etc.) contiene la parola fino a quel momento digitata.

OCR integrato: Il sistema gestisce documenti PDF, searchable e non, grazie a un sistema di riconoscimento ottico del testo (OCR) integrato nel sistema. Si possono inserire documenti PDF frutto di una scansione o copia ottica dell'originale: il sistema li trasforma automaticamente in documenti digitali indicizzabili con il testo estratto. Dai PDF risultanti si può anche selezionare il testo, copiarlo e incollarlo in altri documenti digitali.

Personalizzazione: il sistema è personalizzabile rispetto ai metadati che si vogliono associare ai gruppi di documenti e al documento singolo, in modo da conformarsi al massimo all’ambito di interesse del cliente. In questo modo è possibile eseguire la gestione documentale tanto di uno studio di avvocati (ad esempio per ricercare casi simili in cause precedentemente gestite dallo studio o da altri) quanto di un consorzio edile (ad esempio per ricercare soluzioni progettuali e realizzative già adottate in progetti precedenti, in bandi pubblici di altre aziende, etc.) e altro…

Optional 1: è possibile implementare un sistema di acquisizione dei documenti da fotocopiatrice/scanner collegato al sistema, in modo da liberarsi definitivamente degli archivi cartacei

Optional 2: è possibile implementare moduli che consentono la gestione di qualsiasi formato digitale di documento: Word, PowerPoint, Excel, ecc.


07 Ago 2013

Frantic Semantic

Internet vive oggi una sua ennesima rivoluzione tecnologica. In sostanza si sta gradualmente passando da una rete digitale che mette in collegamento tra di loro ‘documenti’ a una rete digitale che mette in collegamento ‘informazioni’: la differenza risiede nel fatto che mentre i documenti sono accessibili e soprattutto interpretabili dagli uomini, le informazioni sono accessibili e entro certi limiti interpretabili anche dalle macchine, dai computer. È il primo passo in direzione della cosiddetta ‘intelligenza artificiale’, non tanto quella dei nexus di Blade Runner, quanto quella descritta dallo stesso Tim Berners-Lee nel famoso articolo del 2001 su Scientific American, centrata sull’operatività dei cosiddetti ‘agents’: molte attività faticose che oggi gravano principalmente sull’intelligenza umana vengono attribuite ai computer, finalmente in grado di attingere al significato (semantic) delle informazioni disponibili, con tutti i vantaggi e le facilitazioni che ne derivano.

Elenchiamo alcuni di questi vantaggi, ben sapendo che sarebbe impossibile essere esaustivi:

  • Broadcasting & SEO

Si stima che la semplice pubblicazione di un’ontologia consenta alla piattaforma digitale collegata di migliorare la propria reperibilità sui motori di ricerca in una misura pari ad almeno il 30%.

  • Real Time Monitoring

Oggi l’ascolto delle conversazioni in tempo reale sui social network, indispensabile per realizzare il cosiddetto real time marketing, può essere eseguito soltanto avvalendosi delle ontologie. Google (Knowledge Graph) e Facebook (Open Form) rendono pubblici i loro dati in formato semantico, e chiunque voglia avvalersene deve organizzarsi di conseguenza. Anche e soprattutto chi vende online.

  • Ricerca

I sistemi di ricerca basati sulle ontologie permettono di conseguire risultati molto più efficaci di quelli offerti dagli ordinari motori di ricerca, soprattutto perché sono in grado di interpretare il livello semantico e quindi di eliminare già all’origine molti risultati indesiderati. Inoltre i motori semantici sono in grado di rispondere a query formulate direttamente come domande: “Qual è la quotazione odierna, all’etto, del tartufo?”

  • Knowledge Management

Molte corporate e amministrazioni pubbliche hanno individuato le ontologie quale strumento tecnologico preferibile per reperire, estrarre, elaborare, immagazzinare e condividere conoscenza. Tra i vantaggi principali la possibilità di collegare facilmente ‘fonti’ eterogenee e di assegnare alle macchine molte complesse funzionalità di natura esplorativa, manutentiva e persino euristica. Il vantaggio, ad esempio, per un sistema di e-commerce complessoè evidente.

  • Integrazione

Le ontologie sono per loro natura interoperabili, nel senso che consentono l’interscambio, l’interazione, l’abbinamento e la fusione di base dati di origine e tipologia diverse. Tutto è convertibile, riusabile, implementabile.

  • Gestione iconografie

I database tradizionali mostrano tutti i loro limiti quando sono impiegati per gestire oggetti non-testuali come video e immagini fotografiche. Le ontologie, al contrario, dispongono di un sistema di annotazione semantica degli oggetti multimediali che consente di risolvere efficacemente tali problematiche. In molti settori, nei quali le immagini sono un vettore informativo-promozionale importante almeno quanto quello testuale, questa prerogativa riveste un’importanza decisiva.

  • Comunità Virtuale

Promuovendo l’interazione digitale tra soggetti diversi e di diversa natura, le tecnologie semantiche favoriscono la formazione di comunità trasversali aggregate intorno a temi specifici. Chi non dispone delle ontologie deve accontentarsi di un potenziale di socializzazione digitale ridotto.

  • Serendipity

Normalmente la sfera di attività di un individuo o di un’organizzazione si svolge all’interno di una rete di relazioni e soluzioni associative piuttosto limitata e ripetitiva. I nuovi contatti e le nuove modalità aggregative sono relativamente infrequenti. Le ontologie, al contrario, grazie al loro potere di mettere in relazione ambiti e soggetti ‘remoti’, tendono ad aumentare la probabilità statistica di nuovi pattern relazionali.

Pensativa ha già realizzato l'ontologia che serve da motore semantico di questa piattaforma e sta attualmente lavorando allo lo sviluppo di nuove ontologie nei settori del design, del turismo e del wine & food. Se pensate che anche a voi potrebbe essere utile il ricorso alle tecnologie semantiche, non esitate a contattarci. È tutto molto meno esoterico di quanto sembri!

 
07 Ago 2013

Cliente: Regione Piemonte e Regione Valle d'Aosta

Strumento: mobile app 

UBO - Una Buona Occasione (iOS / Android; categoria Cibi e bevande / Strumenti)

 

07 Ago 2013

Jet-Lav è un software di matching tra le esigenze delle aziende o dei cittadini e le opportunità offerte dalle Pubbliche Amministrazioni, raggiungibile attraverso il web ed eventualmente da piattaforme mobile (i-Phone/i-Pad, Android, eccetera).

Di solito, per chi vorrebbe usufruire di una qualche agevolazione offerta da un ente pubblico è difficile capire se si è in possesso dei requisiti richiesti oppure no; nella maggior parte dei casi è necessario rivolgersi a un professionista che, avendo familiarità con il linguaggio e le tortuosità burocratiche, è in grado di chiarire se vale la pena di avviare la pratica di richiesta oppure no.
Con Jet-Lav cambia tutto: per sapere se si ha potenzialmente diritto a una certa forma di agevolazione è sufficiente collegarsi a un'applicazione online, seguire le indicazioni, digitare le informazioni richieste e attendere pochi secondi. Con grande risparmio di tempo e denaro. Più facile di così... Adottando la soluzione Jet-Lav le PA dimostrano di essere realmente vicine alle esigenze dei loro amministrati.

Sottocategorie

Catalogo PagineBianche d'Autore

Catalogo PagineBianche d'Autore

Cliente: //Page:' }; //]]>

Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti: proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'utilizzo dei cookie. 

Per ulteriori informazioni consulta l'informativa. Per saperne di piu'

Approvo