Pensaci bene

07 Ago 2013

Pensaci bene

Se fossimo uno studio di avvocati, o di ingegneri, ci piacerebbe sottolineare che, aldilà delle necessarie competenze tecniche e di una certa maestria nell’uso dei connettivi logici, sappiamo dare spazio alle emozioni, ai sentimenti, alla pascaliana ‘ragione del cuore’. Invece facciamo i comunicatori, e allora ci vantiamo di non essere dei forzati dell’estetica e dei giochi di parole, ma di saper anche pensare, badare ai contenuti, riflettere sulle cose senza fermarci alla prima trovata, per carina che sia. Per carattere, diffidiamo di chi ci esorta a seguire l’istinto. I veri amici sono quelli che ci dicono: “pensaci bene...” E poi, chi l’ha detto che il pensiero debba per forza essere pedante? Il nome ‘Pensativa’ deriva dall’omonima bossa nova di Clare Fischer, che a noi stimola solo pensieri delicati e leggiadri. E a voi?

Cristiano Barbero

07 Ago 2013

Cristiano Barbero

Un ragazzo alla mano, con una gran mano.
Nasce intagliatore, cresce pittore, si scopre grafico alla soglia dei 26 anni: questo il percorso formativo di Barbero da Moriondo, tortuoso e imprevedibile come un ruscello delle sue montagne.

Fin da piccolo il padre restauratore lo ha introdotto ai segreti dello scalpello. L’Accademia di Belle Arti ne ha poi affinato doti e perizia, lasciandogli in eredità una mano michelangiolesca e un inguaribile perfezionismo. Infine, poiché non si campa di solo pennello, l'ineffabile maestro Giuseppe Errico ha provveduto a erudirlo nell’arte del mouse. Ne è saltato fuori un grafico enigmatico, che non fa mai quel che ti aspetti e mai ti aspetti quel che fa.

Dote che riversa a piene mani nella sua passione più profonda, il biliardo in variante goriziana. Provate a sfidarlo di stecca e di bilia, ma non scommetteteci più di una birra...

Massimo Morelli

07 Ago 2013

Massimo Morelli

Ha voluto la bici e adesso… pedala.

Il ‘Murèl' sfreccia sui sanpietrini di via Cesare Battisti con la sua city-bike: si sta dirigendo a tutta birra da un cliente. Sigaro nella mano destra, agenda nella sinistra, cellulare incastrato tra la spalla e l’orecchio. Come diavolo fa a non cadere?

Equilibrio e coordinazione, signori… Proprio come nel suo lavoro, quando deve destreggiarsi fra mille idee e progetti differenti. Il mondo della comunicazione è pieno di ingorghi, il traffico è caotico e imprevedibile. Così il nostro ciclista fa appello alla sua guida creativa per imboccare percorsi alternativi e strade sempre nuove.

I collaboratori lo seguono a ruota, e non potrebbe essere altrimenti: il Murèl è il capitano entusiasta di un gruppo compatto in fuga dalla banalità.

Adriana Ramundo

07 Ago 2013

Adriana Ramundo

Quando c’è un’emergenza creativa, Pensativa si trasforma in un film di Sylvester Stallone. Negli uffici riecheggia un urlo disperato: “Adrianaaaa!”.
Niente paura, ci pensa lei: loghi, animazioni, siti web, immagini coordinate... Adriana sa interpretare i desideri del cliente, dargli forma visibile.
Intuito femminile? Può darsi, ma c’è dell’altro: come ogni art sa benissimo, to copy from one is plagiarism, to copy from more than one is research... Se a questo aggiungete uno stakanovismo sovietico e un fascino indiscutibile, capirete perché la Ramundo è l’art director più corteggiato - e non solo professionalmente parlando - nelle agenzie e stamperie di Torino.
Noi però ce la teniamo stretta, per la nostra gioia, e l’invidia di tutti gli altri.

 
 

Catalogo PagineBianche d'Autore

Catalogo PagineBianche d'Autore

Cliente: //Page:' }; //]]>

Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti: proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'utilizzo dei cookie. 

Per ulteriori informazioni consulta l'informativa. Per saperne di piu'

Approvo